• Image 01
  • Image 02
  • Image 03
  • Image 04
  • Image 05
  • Image 06

Seguici

Menu orizzontale

31 marzo 2012

Cani: quale collare, guinzaglio e pettorina scegliere?

Quando portiamo a spasso Fido dobbiamo metterlo prima di tutto in sicurezza, ma anche farlo stare comodo, evitando di fargli vivere la passeggiata come momento di stress. In commercio troviamo tantissimi tipi di collari, guinzagli e pettorine: abbiamo l'imbarazzo della scelta! Vediamo un po' più in dettaglio questi prodotti.

Il collare

Di collari in commercio ne troviamo veramente di tutti i tipi: in diversi materiali, disegni e colori. Un collare semplice in nylon in linea generale è il più indicato, perché è morbido e leggero. Anche uno in cuoio va benissimo per l'utilizzo giornaliero, anche se rispetto al nylon tende a rovinare di più il pelo. Sarebbero invece da evitare i collari con eventuali accessori come le borchie perché appesantiscono inutilmente il cane. Il collare non va stretto troppo, ma nemmeno lasciato troppo largo, altrimenti il cane potrebbe sfilarselo.

Collare in nylon Collare in cuoio

Infine troviamo i collari a strozzo e semistrozzo di cui si sconsiglia l'utilizzo a persone non adeguatamente preparate. Per condurre il cane con questi collari è necessario innanzitutto avere una postura corretta. Dato che questi collari se non usati correttamente possono causare seri danni, ne sconsigliamo l'utilizzo, se non da parte di professionisti.

Collare a strozzo Collare a semistrozzo

Il guinzaglio

Guinzaglio Flexi
Secondo l'Ordinanza del 3 marzo 2009 del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico la lunghezza massima del guinzaglio non deve essere superiore a 1.50 metri. Nelle suddette aree non è quindi più possibile quindi utilizzare i guinzagli allungabili. Oltre a ciò, anche per la sicurezza e l'educazione del cane i guinzagli flexi sono sconsigliabili per andare a spasso in città o comunque in zone trafficate.
Il guinzaglio più comodo è in nylon perché facile da arrotolare sulla mano in caso di necessità. Quelli in cuoio sono molto belli, ma meno pratici del nylon.
Esistono anche dei guinzagli da addestramento con due moschettoni e due o tre anelli. Entrambe le estremità del guinzaglio hanno un moschettone: uno si aggancia al collare, mentre l'altro si può agganciare ai due o tre anelli che si trovano lungo il guinzaglio: in questo modo si ha la possibilità di controllare, a seconda delle circostanze, la lunghezza del guinzaglio, che può essere tenuto lungo, un po' più corto, o addirittura dimezzarne la lunghezza; basta semplicemente cambiare l'anello a cui agganciare il secondo moschettone.
Per i cani di taglia grande solitamente è consigliato usare un guinzaglio corto.

Guinzaglio semplice in nylon Guinzaglio da addestramento

La pettorina

Alcune persone si trovano meglio con la pettorina rispetto che con il collare. Ci sono varie scuole di pensiero sull'utilizzo dell'uno o dell'altra: alcuni affermano di non riuscire a controllare il cane in passeggiata con la pettorina, altri invece sostengono il contrario, cioè che il cane con la pettorina sia molto più calmo e gestibile che con il collare. Sicuramente si tratta di opinioni soggettive e modo migliore per sapere se è meglio utilizzare con il proprio cane il collare o la pettorina è provare!
Tornando alle pettorine, in commercio se ne trovano varie, in diversi materiali, disegni e colori. Ma fondamentalmente i modelli che possiamo acquistare sono tre: la pettorina alla romana, la pettorina scapolare e la pettorina finlandese/svedese. La pettorina alla romana, conosciuta anche come modello ad H, ha due anelli posizionati uno sul torace e l'altro sul tronco e l'aggancio per il collare a metà della schiena. Si tratta del modello migliore da utilizzare, perché non compromette la postura del cane e non esercita pressione in punti critici.

Pettorina alla romana o modello H

La pettorina scapolare, conosciuta anche come modello X, al contrario, fa pressione e sfrega contro le ghiandole ascellari, compromette la postura del cane insegnandogli a restare con i gomiti all'infuori e in generale a lungo andare può causare problemi articolari o lussazione della spalla. Meglio quindi optare per il primo tipo di pettorina.

Pettorina scapolare o modello X

La pettorina finlandese, conosciuta anche come norvegese o svedese, ricalca il modello delle pettorine dei cani da slitta. Sono considerate ottime pettorine, anche se il loro utilizzo è sconsigliato per i cani di piccola taglia, poiché offrono meno controllo.

Pettorina finlandese


Articolo a cura di .NoName• e =Kiara=

Ti è piaciuto l'articolo? Iscriviti ai feed di Pets Life per restare sempre aggiornato!
Oppure inserisci il tuo indirizzo email e riceverai gli aggiornamenti per posta:

Cosa sono i feed?

Nessun commento :

Posta un commento

È possibile commentare liberamente l'articolo.
Se avete richieste personali, vi invitiamo a scrivere nel Forum.
Qui non riceverete risposta a domande personali.

(Loading...)