Ad-Sense Sopra ai Post

Le vaccinazioni del cane

Le vaccinazioni sono essenziali per la salute del nostro cane. Inoltre il richiamo annuale del vaccino offre la scusa per portare il nostro amico a quattro zampe dal veterinario per un controllo generale al suo stato di salute. Vediamo per cosa si vaccina e come dobbiamo procedere.

Perché vaccinare?

I cuccioli subito dopo la nascita ricevono gli anticorpi dal latte dalla madre. Tuttavia questi durano meno di tre mesi, per questo motivo il cucciolo deve essere vaccinato attorno i due mesi. I vaccini stimolano le difese immunitarie contro specifiche malattie, il che significa che se il cane entra in contatto con il virus, il suo sistema immunitario è già stato preparato per fornire una risposta efficace in brevissimo tempo. Per questo è bene vaccinare il proprio amico a quattro zampe.

Per cosa si vaccina?

Chi è alle prime esperienze può chiedersi quali siano i vaccini che si devono fare al cane, anche se spesso i proprietari portano il proprio cane dal veterinario inconsapevoli delle patologie per quale si vaccina. Vediamo ora quali sono.

  • Parvovirosi

Viene più comunemente definita gastroenterite. Il virus viene disseminato attraverso le feci, le urine, la saliva e il vomito di animali infetti. Per un cane sano non è difficile venire contagiato perché il virus si trasmette per via orale, attraverso le mucose. Se un cucciolo viene infettato, ci sono poche speranze che sopravviva.
I primi sintomi sono vomito, febbre, diarrea con feci liquide e sangue. L'animale cessa di mangiare e quindi inizia la fase di disidratazione.
Può però presentarsi anche in un'altra forma con presenza di vomito e difficoltà respiratorie.

  • Cimurro

Il contagio avviene per via aerea dove sia presente il virus diffuso da un animale malato attravero le escrezioni respiratorie, lo scolo oculo-nasale, l'urina e le feci. Questa patologia può attaccare cani di qualsiasi età ma è più comune nei cuccioli per i quali è spesso letale. I sintomi solitamente sono difficoltà respiratoria, congiuntivite e tosse.

  • Epatite

Anche questa patologia viene trasmessa attraverso inalazione ed indigestione di materiale proveniente da un animale infetto. Inizialmente colpisce le tonsille, poi il fegato ed infine i reni.
I sintomi sono abbattimento, febbre, vomito, diarrea, scolo nasale e oculare.

  • Leptospirosi

Questa malattia può colpire anche l'uomo. I principali portatori di questa malattia sono i roditori selvatici e altri cani infetti che eliminano il virus attraverso muco, sangue e urine. I cani possono essere contagiati attraverso morsi o leccature da parte dell'animale malato. Il decorso della malattia dura una settimana e si conclude quasi sempre con la morte. La terapia raramente porta alla guarigione, ma si possono otterene discreti risultati quando la malattia è in forma subacuta o cronica.

  • Rabbia

Come la Leptospirosi, anche la Rabbia può colpire l'uomo attraverso morso o con una ferita che entri in contatto con saliva o urina di animali infetti. È una malattia perlopiù letale sia per il cane, che per l'uomo e per questo bisogna prestare molta attenzione. Per evitare che il vostro cane venga infettato è bene non lasciarlo libero in zone dove si sono riscontrati casi di animali (in particolare volpi) affetti dalla malattia.
Questa vaccinazione è obbligatoria per portare il cane all'estero e nelle regioni italiane in cui si sono verificati casi di rabbia.

Quando fare i vaccini?

L'allevatore o il privato al quale vi rivolgete per adottare il cagnolino dovrebbe fare il primo vaccino polivalente contro Epatite, Cimurro, Parvovirosi e Leptospirosi quando il cucciolo ha 50 giorni di vita. Successivamente, al 65° giorno di vita si procede con il primo richiamo.
I richiami successivi al vaccino polivalente hanno frequenza annuale.
Quanto all'antirabbica, il primo vaccino può essere effettuato solamente dopo i primi tre mesi di vita, non prima. Il richiamo successivo può essere fatto ogni 2-3 anni.

Altre patologie che si possono prevenire

La filariosi cardiopolmonare è un'altra patologia spesso letale che può essere prevenuta con un trattamento a cadenza regolare: per maggiori dettagli leggi l'articolo ad essa dedicato. Personalmente uso le pipette da somministrare per via orale, ma è comunque opportuno il consiglio del vostro veterinario.


Articolo a cura di Pataz<3

Facebook

Ad-Sense Sotto ai Post

Ad-Sense Articoli Consigliati